cesco

Francesco Boschetti
Avvocato

Studio Legale di
Diritto dell'Immigrazione

 
  • Home
  • News
  • Il ricorso contro il silenzio sulla domanda di cittadinanza - No alla compensazione delle spese indiscriminata

Il ricorso contro il silenzio sulla domanda di cittadinanza - No alla compensazione delle spese indiscriminata

Il Consiglio di Stato, Sezione Terza, con sentenza n. 643/2016, ha condannato l’Amministrazione al pagamento delle spese processuali in un giudizio avente ad oggetto l'impugnazione del silenzio-inadempimento sulla domanda di cittadinanza italiana, aderendo alla sentenza n. 3682/2014 dello stesso Consiglio di Stato.

Il principio affermato, e confermato, è che "la rilevante mole di lavoro gravante sugli uffici competenti – in quanto postulata dal T.A.R. come fatto notorio, ma non supportata da alcuna considerazione dell’Amministrazione in ordine all’entità, alla natura transitoria della sproporzione tra mezzi impiegabili e risultati attesi, agli interventi per porvi rimedio, o all’esperimento di forme di comunicazione ed informazione all’istante sullo stato del procedimento – non possa ritenersi elemento di per sé sufficiente a giustificare il comportamento dell’Amministrazione (…) altrimenti, l’inerzia dell’Amministrazione finirebbe per essere, almeno ai fini della condanna alle spese processuali, sempre e comunque giustificata”.

Invia la tua richiesta

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo.
Ti contatteremo il prima possibile.
 
Accertarsi di inserire una email corretta altrimenti sarà per noi impossibile rispondere.

Contatti

avvocato boschetti
 
Via Tibullo 10 - Roma
 
Ufficio: 9.00 - 13.00
            15.00 - 19.00
 
Riceviamo esclusivamente su appuntamento da prendere via email